Amanita franchetii

Amanita franchetii (Boud.) Fayod, 1889

 

Sinonimo = Amanita aspera

 

 

Ordine: Agaricales
Famiglia: Amanitaceae
Genere: Amanita
Sottogenere: Lepidella
Sezione: Validae

 

È un bel fungo, tra i pochi reperibili nelle estati secche. Cresce in piccoli gruppi, spesso solitario, e predilige suoli calcarei, sia sotto latifoglie che sotto conifere. Diametro del cappello da 4 a 12 cm, cuticola di colore da bruno chiaro a bruno camoscio, ricoperta da verruche piramidali di colore da giallognolo a brunastro. Lamelle bianche intercalate da lamellule, abbastanza fitte, da annesse a libere al gambo. Gambo slanciato di altezza da 4 a 12 cm (solitamente tra 5 e 10), con diametro di 1 massimo 2 cm, ingrossato e talora bulboso alla base, con volva dissociata in fioccosità e scagliette giallastre. Nel terzo superiore è presente un anello membranoso biancastro, striato nella faccia superiore, con bordo giallastro e merlettato.

Carne biancastra, anche giallina sotto la cuticola, odore non significativo, sapore aspro, sgradevole.

Fungo non commestibile per le caratteristiche organolettiche, da considerare sospetto per la possibilità di confusione con altre specie. In particolare si potrebbe confondere con Amanita rubescens,  che ha carne arrossante; con Amanita excelsa, che ha verruche grigiastre e appiattite, ma soprattutto con la velenosa Amanita pantherina, che ha verruche bianche, bordo del cappello striato, anello al terzo medio del gambo, volva circoncisa e dissociata in cercini.

                                                                                              Amedeo Schipani

Bibliografia essenziale

·       Boccardo F, et al. – Funghi d'Italia. Zanichelli, 2013.

·       Cetto B. – I funghi dal vero, Vol 2°. Saturnia, V ed. ital. 1983.

·       Papetti G, Consiglio C, Simonini G. – Atlante fotografico dei funghi d'Italia, Vol 1. A.M.B., 2011.

·       Courtecuisse R., Duhem B. – Guide des champignons de France e d'Europe. Delachaux et Niestlé, 2013.

·       Eyssartier G., Roux P. Le guide des champignons France et Europe. Belin, 2015.

·       Moser M. – Guida alla determinazione dei funghi Vol.1° – Polyporales, Boletales, Agaricales, Russulales (Saturnia, 2000)

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • PDF
  • RSS
  • email

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Traduci il sito

    Translate from:

    Translate to: