Alliaria petiolata (M. Bieb) Cavara & Grande

Alliaria petiolata

Famiglia: Brassicaceae (ex Cruciferae)

Nomi volgari: Alliaria comune, Lunaria selvatica, Piè d’asino

Descrizione: pianta erbacea biennale alta fino ad un metro, glabra con radice a fittone. Il fusto è semplice e’ ramificato solo nella parte più alta. Le foglie sono cordate con margine variamente dentato. Quelle inferiori hanno un lungo picciolo. I fiori, riuniti in racemi,  presentano quattro petali bianchi e sono molto profumati e ricercati dalle api. Tutta la pianta, se stropicciata,  emana un forte odore di aglio.

Fioritura: fiorisce da aprile a luglio a secondo della quota.

Habitat: originaria dell’Europa e dell’Asia è presente in tutto il territorio italiano fatta eccezione per la Sardegna. Si può trovare dal livello del mare sino a 1700 m. Predilige i luoghi incolti, le macerie, le discariche ed alcune zone ombrose ed umide del sottobosco.

Principi attivi e usi fitoterapici: I semi possiedono proprietà stimolanti dell’appetito. La pianta ha proprietà espettoranti, antiscorbutiche, revulsive e cicatrizzanti.

Usi alimentari: le foglie ed i fiori sono usati crudi nelle misticanze. Ottimi anche in padella e nelle farciture di arrosti. I fiori, poi, in grappolo costituiscono una graziosa decorazione.

Curiosità e note: il nome alliaria deriva dal forte odore di aglio di tutta la pianta; petiolata per il lungo picciolo delle foglie. Può capitare di trovarla citata tra gli ingredienti delle vecchie ricette soprattutto in Germania e nel nord Europa. I semi venivano anche raccolti per la preparazione di una salsa simile a quella di senape.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • PDF
  • RSS
  • email

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Traduci il sito

    Translate from:

    Translate to: