Campanula rapunculus L.

Campanula rapunculus

Famiglia: Campanulaceae.

Nomi volgari: Raponzolo, Campanula commestibile, Raperonzolo.

Descrizione: pianta erbacea biennale, può raggiungere un’altezza anche superiore al metro. La radice è a fittone, carnosa, a volte lignificata, di colore bianco. Il fusto eretto è spigoloso, poco peloso e poco ramoso. Le foglie, disposte all’inizio in una rosetta basale, sono a lamina spatolato-oblunga e picciuolate. I fiori, disposti a racemi, hanno la  corolla a campanula di colore azzurro.

Fioritura: fiorisce da marzo a settembre.

Habitat: cresce in tutto il territorio italiano, ma non è presente nelle isole. Predilige soprattutto i terreni, leggermente ondulati, dei sentieri di campagna. E’ presente, però, anche nei prati ed in mezzo all’erba. Cresce dal livello del mare fino a 1500 metri di altezza.

Principi attivi e usi fitoterapici: ha proprietà diuretiche, rinfrescanti, digestive e lassative. Nella radice sono presenti proteine, sali minerali; vitamine nelle foglie; nei fiori tannini e resine. Nella medicina popolare si consigliava di applicare un cataplasma di foglie per combattere le verruche.

Usi alimentari: molto usata ed apprezzata in cucina. Si possono usare sia le foglie basali e le radici giovani in aggiunta alle insalate. Come contorno le stesse  possono essere utilizzate cotte ed hanno un sapore dolciastro. I giovani germogli, sbollentati, possono essere utilizzati come asparagi.

Curiosità e note: è una specie protetta e va raccolta con parsimonia. Il nome ”Campanula”, diminutivo di campana, fa riferimento alla corolla, mentre “rapunculus” dal latino “rapum” = rapa si riferisce al grosso fittone caratteristico di questa specie. Nel folklore europeo questa pianta è legata al mondo delle fate che, si dice, abbiano la loro dimora all’interno del fiore.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • PDF
  • RSS
  • email

One Response to Campanula rapunculus L.

  1. daniele rebuttini on 4 novembre 2012 at 08:34

    invece di raccoglierla anche con parsimonia, sarebbe molto meglio coltivarla, visto che i semi sono reperibili sia sul catalogo di Ingegnoli milano che sul catalogo Jelitto perennial seeds. Assicuro che i risultati sono garantiti, visto anche che in terreno non scheletrato le radici sono fittonanti e non ramificate. provare per credere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Traduci il sito

    Translate from:

    Translate to: