Redazionale

MOSTRA MICOLOGICA

Nei giorni 10 e 11 novembre 2018 avrà luogo a Roma la XVII edizione della mostra micologica “I funghi e il bosco” che si terrà nella “Casa della cultura di Villa de Santis”, Parco Casilino-Labicano, via Casilina, 665, Roma.

La mostra, organizzata da Nuova Micologia, in collaborazione con il Municipio Roma V, propone gli elementi di base per poter godere del piacere di una passeggiata nel bosco, avendo conoscenza del ruolo dei funghi nella salvaguardia dell'ambiente, come acquisire la loro identità scientifica, in modo da poterli raccogliere e utilizzare a tavola, senza il rischio di rimanere intossicati, cosa fare dei funghi che crescono negli 82.000 ettari di verde agricolo o protetto di Roma, che fanno della Capitale una delle città più verdi d’Europa.

La pluriennale e proficua collaborazione tra Nuova Micologia e il Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale ha dato l'opportunità, anche quest’anno, di organizzare la mostra micologica per offrire alla cittadinanza la possibilità di sciogliere i dubbi di identificazione di specialità fungine, avendo a disposizione sia i singoli esemplari con l'indicazione della denominazione scientifica del genere e della specie, sia micologi in grado di fugare qualsiasi dubbio in merito al loro riconoscimento e allo specifico ambiente di crescita, il tutto accompagnato da consigli utili sui periodi di possibile ritrovamento in relazione all'ambiente di crescita, sulle necessità di equipaggiamento e di comportamento, quest’ultimo secondo la normativa vigente.

La XVII edizione della mostra intende inoltre fornire un quadro esaustivo delle varie specie di funghi esistenti nel Lazio, del loro habitat e informare sulla loro commestibilità o pericolosità. Nelle scorse edizioni Nuova Micologia ha esposto in media oltre duecento specie e anche in questa edizione i visitatori potranno esaminare dal vivo numerosi funghi commestibili, senza interesse alimentare, non commestibili, quelli a commestibilità condizionata da particolari trattamenti, come la prebollitura e quelli tossici, con indicazione dei diversi gradi di pericolo per la vita dell'uomo. Come già accennato, i visitatori saranno assistiti da esperti micologi che oltre a descrivere le specie esposte risponderanno ai diversi quesiti da loro posti e relativi al mondo dei funghi: dall’areale più adatto alla loro crescita, alle possibili utilizzazioni gastronomiche.

La mostra micologica, diventata un evento ormai tradizionale dell’autunno romano, riscuote ogni anno un grande successo di pubblico con migliaia di visitatori ed è seguita con interesse dalla stampa e dalla televisione.

La mostra, oltre ad essere un’occasione d’incontro tra esperti e appassionati per scambiare esperienze e conoscenze, è nel contempo un'opportunità per la cittadinanza per incontrare, conoscere e apprezzare i funghi e comprenderne i gravi pericoli di un utilizzo maldestro senza la necessaria capacità di identificazione. I funghi sono un alimento prelibato e ogni anno in autunno i boschi si riempiono di cercatori più o meno esperti che vogliono raccogliere le specie migliori per preparare piatti prelibati, dovrebbero però essere in grado di evitare le poche decine di specie velenose presenti in natura, tra le quali le più pericolose e diffuse Amanita phalloides e Amanita verna che continuano, purtroppo, a mietere vittime.

La mostra sarà inaugurata sabato 10 novembre alle ore 10,30 e proseguirà senza interruzioni fino alle ore 19,00. Domenica 11 novembre sarà mantenuto lo stesso orario (10:00 -19:00). Come nelle precedenti edizioni l’ingresso alla mostra è gratuito.

Nel corso della manifestazione, alle ore 15,30 di sabato 10 novembre, il micologo Riccardo Mazza terrà una conferenza su ”Gli odori e i sapori dei Funghi”.

I visitatori della Mostra potranno iscriversi all’Associazione, ai corsi di micologia per ottenere il “tesserino” che abilita alla raccolta dei funghi, previsto dalla vigente normativa di legge, ai corsi sulle buone e salutari erbe selvatiche alimentari e a quelli sulle essenze arboree nazionali, fondamentali per una corretta conoscenza dei luoghi di crescita fungina, corsi  organizzati sempre da Nuova Micologia, esaminare le numerose pubblicazioni esposte in un apposito settore e acquisire informazioni sulle ricerche, sui convegni e sui corsi organizzati dal CABEM (Coordinamento Associazioni Botaniche, Ecologiche e Micologiche) in collaborazione con le Università la Sapienza e Tor Vergata.

Per ulteriori informazioni si può visitare il sito di Nuova Micologia: www.nuovamicologia.eu o scrivere a segreteria@nuovamicologia.eu.  

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • PDF
  • RSS
  • email

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Traduci il sito

    Translate from:

    Translate to: