Tassonomia dei funghi

Tassonomia dei funghi

Ci sono delle novità nelle regole per la nomenclatura dei funghi che sono entrate in vigore dal 1° gennaio 2012, ma che solo di recente sono pervenute oltre la cerchia degli addetti ai lavori.

Il 18° Congresso Internazionale Botanico, tenutosi a Melbourne, in Australia, nel luglio 2011 ha apportato, infatti, alcuni cambiamenti sostanziali al Codice Internazionale di Nomenclatura Botanica inserendo per la prima volta nella storia anche i funghi e le alghe.

Pertanto il titolo di questa normativa, ampliato per rendere esplicito questo inserimento, è diventato: “Codice Internazionale per la Nomenclatura delle alghe, funghi e piante” con abbreviazione proposta “ICN”.

Per i funghi probabilmente il cambiamento più importante che è stato adottato riguarda il principio “un fungo, un nome” in precedenza non sempre seguito.

Inoltre altri cambiamenti di rilievo riguardano:

  • la possibilità che la pubblicazione scientifica di tutti gli atti nomenclaturali (“nomenclatural acts”) sia fatta anche in forma elettronica (ad esemplio riviste on line) e non solo su pubblicazioni scientifiche accreditate come sempre richiesto in precedenza;
  • consentire di sviluppare la descrizione di nuovi taxa, denominata “diagnosi”, anche in inglese e non solo in latino come era strettamente obbligatorio.

Paolo Lavezzo

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • PDF
  • RSS
  • email

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Traduci il sito

    Translate from:

    Translate to: